Carla CANTORE
Foto - Arteterapeuta | Curatrice
search
pages

La logicità o la illogicità delle scelte

permalink » url

Direzioni.jpg

Ogni giorno noi prendiamo infinite decisioni alcune in maniera automatica e altre in maniera ponderata.
Come prendiamo queste decisioni? Sicuramente pensiamo di usare una logica ma molto spesso le nostre decisioni sono il frutto di pochi dati, che consideriamo sufficienti, altre volte decidiamo per evitare di perdere o di rischiare troppo, altre volte è una preferenza in una situazioni di alternative, altre volte lasciamo fare al caso o ciò che ci passa nella mente; altre volte siamo mossi da credenze, stereotipi o pregiudizi che tendiamo a considerare erroneamente verità assolute.

Quindi gli aspetti che caratterizzano le decisioni o prendere decisioni sono: avere una serie di possibilità o opzioni; il secondo che per alcune decisioni non siamo in grado di conoscere con certezza gli esiti; terzo aspetto forse quello più importante è la consapevolezza del decisore.

Quando scegliamo in maniera consapevole utilizziamo una strategia che prevede che il dire sì preveda di accettare il dire no a qualcos’altro. Spesso però ciò che noi riteniamo capacità decisionale consapevole di prendere decisioni e di assumere i rischi di tali decisioni è influenzata dai nostri stati emotivi.

Dagli studi di Kahneman e Tversky negli anni ’70 è emerso che nel processo decisionale l’uomo ha la tendenza a ignorare, sottovalutare o sopravalutare alcuni dati, ad essere influenzato dalle emozioni e dal modo in cui è organizzato il problema.

Nel corso della vita associamo a una scelta un’emozione, tale associazione tra le emozioni che viviamo nella situazione attuale e il tipo di stato emotivo provato nel passato in una situazione analoga, ci guida nelle situazioni a valutarle positive o negative, agiscono come campanello di allarme nel considerare una scelta svantaggiosa e a farci compiere una scelta diversa. Quindi le nostre scelte sono condizionate da come ci siamo sentiti nel passato e diventano la nostra guida e bussola nelle situazioni.

Quindi è importante entrare nel nostro spazio interiore, riconnetterci con noi stessi e con i nostri perché. Questo non basta per prendere le decisioni giuste. Occorre anche cercare di andare un po’ più a fondo rispetto alle emozioni che ci hanno spinto a fare quelle scelte e comprendere quali bisogni e desideri ci hanno portato a fare quelle scelte.
E’ importante quindi guardarsi alle spalle in modo da riuscire a unire i puntini e capire in che modo le cose sono successe nella propria vita e ci hanno portato dove ci troviamo ora come ha spiegato Steve Jobs durante il suo discorso all’università di Stanford circa il dilemma “seguire le passioni o trovare un lavoro”.
La seconda parte è partire da un punto più in là e questo guardare avanti richiede immaginazione e sforzo mentale per costruire un futuro possibile.

Marty McFly e lo scienziato Emmett “Doc” Brow, nella saga Ritorno al futuro, viaggiano nel tempo cambiando alcuni eventi con conseguenti ripercussioni sul presente e sul futuro che vivono. Questa modalità di approccio può essere utilizzata per aggiustare non il futuro ma il presente stesso dove dobbiamo prendere le decisioni giuste.

Dopo è importante mettere in pratica la tecnica chiamata PERT (Project Evaluation Review Techniqhe), una tecnica ampliamente usata in ambito accademico, aziendale e governativo. Il PERT consente di tradurre i concetti in mappe fisiche, attraverso le quali è possibile risalire all’origine di una idea o di un obiettivo seguendo piccoli passi logici. Questo metodo si è dimostrato estremamente efficace per raggiungere con successo un traguardo.

Quando si lavora su un obiettivo, in particolare attraverso le mappe PERT è importante saper cogliere i passi da fare, per questo si suggerisce dalla fine: se il mio obiettivo è organizzare una cena memorabile, si analizzerà l’ultimo passo quello in cui gli ospiti sono andati via, quindi ci si concentrerà sul momento chi riordinerà la stanza? chi sparecchierà la tavola? quindi faremo la valutazione se ci sono delle persone che ci potrebbero aiutare in questo: che possono accompagnare gli ospiti alla porta, che ci aiuteranno a riordinare e valutare inoltre il tempo necessario per ciascuna attività.

Questo metodo è un valido supporto per pianificare i propri obiettivi.
Indipendentemente dal metodo usato, uno degli elementi più importanti per riuscire a conseguire un obiettivo, come dicevo in precedenza, è la capacità di immaginare se stessi in azione, fino al raggiungimento del risultato, e soprattutto di percepire le sensazioni fisiche che ciò ci può dare, assaporandone il “gusto”, cosa che alcune persone non riescono a fare.

Provando a percepire le sensazioni fisiche, cercheremo di renderci conto di tutte le implicazioni che comportano la nostra decisione “voglio fare lo scrittore”; riuscirò a vivere grazie alla produzione dei miei testi? oppure mi troverò in una situazione di sofferenza economica e sarò costretto a rivolgermi a qualcuno per le mie necessità o allo stato per la mia pensione? Questa decisione “porta gioia e felicità” nella mia vita e in quella degli altri, arricchisce la mia vita, aggiunge valore? Mi sento pieno di energia sapendo che creerò anche alcuni minuti di benessere a chi leggerà i miei articoli?
Facciamo un altro passo: mi pentirò o rimpiangerò di non aver dedicato tempo al mio partner? alla mia famiglia? ai miei figli per concretizzare questo obiettivo? Questo progetto sarà solo un impegno molto faticoso o porterà un cambiamento radicale nella mia vita: come un trasferimento, un licenziamento o una promozione? Avrà quindi un impatto sul mio futuro?

“E’ meglio compiere un passo nella direzione sbagliata che rimanere nello stesso punto per tutta la vita.
Una volta che si è avviati è possibile correggere la direzione durante il percorso.
Il vostro navigatore automatico non è in grado di guidarvi se rimanete immobili.”
Maxwell Maltz

Carla Cantore
Arteterapeuta | Fotografa

GEP - GIORNATE EUROPEE DEL PATRIMONIO | NEL BLU DIPINTO DI BLU

GEP_AMASAM.jpg


La Galleria Arti Visive comunica che sabato 25 e domenica 26 settembre la mostra/installazione “NEL BLU DIPINTO DI BLU_ Le ali della libertà” rientra nelle GEP - Giornate Europee del Patrimonio, consolidata iniziativa europea promossa dal Ministero della Cultura in considerazione del tema di quest’anno l’inclusione: un invito e spunto per riflettere sulla partecipazione al patrimonio culturale estesa a tutti i cittadini.
Lo slogan “Patrimonio culturale: TUTTI inclusi” è la traduzione di “Heritage: All inclusive” scelto dal Consiglio d’Europa.
Il progetto è patrocinato dal Comune di Matera.

Il progetto è stato promosso dall’Associazione A.Ma.Sa.M., che svolge dal 1997 importanti e svariate attività nell’ambito della salute mentale nella persona della Presidente Lucia, ideato e condotto dall’arteterapeuta Carla Cantore, coadiuvata dalle volontarie dell’associazione: Maria Teresa Cirillo, Giovanna D’Agostino, Grazia Po, Mariella Rago, Anna Silvestro e Ester Esposito Vingiano; svoltosi presso la sede della associazione dal 28 gennaio fino al 27 maggio 2021; in questo periodo i partecipanti: Angelo, Claudia, Francesco, Giorgia, Lino, Luciana, Maria, Michele, Nunzio, Rosa S., Rosa V., Santina e Sara hanno realizzato delle opere di pittura, poesia visiva, manifesti utilizzando anche la scrittura poetica con il Metodo Caviardage® della materana Tina Festa.

L’esposizione è stata curata in collaborazione con il Matera International Photography e con Arti Visive Gallery.
La mostra resterà aperta nei giorni 25 -26 settembre 2021 dalle ore 10 alle 12,30 e dalle ore 17,30 alle 20,00.
INGRESSO LIBERO CON GREEN PASS

NEL BLU DIPINTO DI BLU_PRESENTAZIONE VIDEO E CATALOGO

istagram_CC_nel_blu_2_copia_2.jpgAMASAM07.jpgAMASAM01.jpgAMASAM02.jpgAMASAM03.jpgAMASAM04.jpgAMASAM05.jpgAMASAM06.jpgAMASAM08.jpgAMASAM09.jpgAMASAM10.jpgAMASAM11.jpgAMASAM12.jpgAMASAM13.jpgAMASAM14.jpgAMASAM15.jpg

Le opere realizzate dai partecipanti: Angelo, Claudia, Francesco, Giorgia, Lino, Luciana, Maria, Michele, Nunzio, Rosa S., Rosa V., Santina e Sara; durante il progetto promosso dall’ Associazione A.Ma.Sa.M., nella persona della Presidente Lucia D’Antona; con l’utilizzo di diversi mediatori artisti tra cui il Metodo Caviardage® ideato dalla materana Tina Festa sono state racchiuse in un catalogo dal titolo “Nel blu dipinto di blu_le ali della libertà” e in un video realizzati dall’arteterapeuta Carla Cantore in collaborazione con Blu Video; entrambi saranno presentati presso Arti Visive Gallery il 24 settembre 2021 ore 18,00


Alla presentazione interverranno: la Presidente dell’Associazione Lucia D’Antona e le volontarie, gli autori, l’arteterapeuta Carla Cantore, i Direttori della Residenza Brancaccio Luca Iacovone e Michele Plati, il rappresentante della Comunità Alloggio Gino Masciullo (Casa Famiglia) Samanta Fusiello, il dott. Luigi Bradascio Ass. Amici del cuore, l’Arcivescovo S.E. Mons. Don Pino Caiazzo, Geo Coretti/Blu Video, Prof. Franco di Pede Arti Visive Gallery, Gianleo Iosca CSV Basilicata, Dott. Marotta D.S.M., la psicologa dott.ssa Caterina Rotondaro, l’ass. sociale dott. Bruno Francione, Antonello Di Gennaro art-director Matera International Photography, M. Rosaria Pellegrino Ass. Moica, Anna Maria Colangelo Ass. AIPD, Bruno Caiella Ass. Maria SS. della Bruna, Pino Loperfido Ass. AVIS, il rappresentante del Comune di Matera.

La mostra è patrocinata dal Comune di Matera.
Il video sarà possibile visionarlo fino al termine della mostra il 26 settembre 2021.
Orari di apertura 10/12,30 – 17,30/20,00
INGRESSO LIBERO CON GREEN PASS


Successivamente il video sarà pubblicato sul sito www.carlacantore.com

RASSEGNA STAMPA
Nel blu dipinto di blu, il 24 settembre presentazione catalogo e video di Carla Cantore negli spazi di Arti Visive Gallery a Matera

A MATERA “NEL BLU DIPINTO DI BLU”, INSTALLAZIONE DELL’ARTETERAPEUTA CARLA CANTORE



Il Sè latente nei fotogrammi della nostra esistenza

163400537_263734941920244_4694983340431200014_o.jpg

MERCOLEDI' 24 MARZO 2021 - ore 19,00 in diretta sulla pagina facebook #lostatosocialedellafotografia e sul canale youtube

IL SE’ LATENTE NEI FOTOGRAMMI DELLA NOSTRA ESISTENZA
Progetto di fotografia terapeutica

Il progetto promosso e sostenuto dalla Associazione A.Ma.Sa.M. - Associazione Materana per la salute mentale è un percorso in cui attraverso attività pratico-esperenziali con l'uso di diversi mediatori artistici ed in particolar modo del video e della fotografia si è maturato un rafforzamento dell’immagine di sé.

Incontriamo e ne parliamo con
Carla CANTORE | Arteterapeuta e fotografia
Lucia D'ANTONA | Presidente associazione A.Ma.Sa.M.
Ester ESPOSITO VINGIANO | Volontaria associazione A.Ma.Sa.M.
Oliviero ROSSI | Psicoterapeuta, arteterapeuta e direttore Istituto Nuove Arti Terapie.

Intervengono:
Alessandro CAPURSO
Pamela BARBA

Meditazione e arteterapia. Programmazione obiettivi e benessere futuro

CCMeditaz_01_copia.jpg


Mercoledì prossimo 27 gennaio 2021 ore 19.00, secondo appuntamento on-line con la dott.ssa Rosalia Stellacci e l'arteterapeuta Carla Cantore attraverso la meditazione e il mediatore artistico, lavoreranno in maniera materica sull'inconscio, per la programmazione e il raggiungimento degli obiettivi e per il benessere futuro.

«È stato uno dei miei mantra - il concentrarsi su una cosa e la semplicità. La semplicità può essere più difficile di qualcosa di complesso: devi lavorare duro per ripulire il tuo pensiero e renderlo semplice. Ma alla fine paga, perché una volta che ci riesci puoi spostare le montagne». Steve Jobs

OFFERTA LIBERA

Per info e prenotazioni centro di Meditazione e Yoga
AL JALIL YOGA - Matera
Segreteria 389 1986778
Carla Cantore 348 2774207

Materiale da preparare:
- cartoncino bianco (è preferibile come colore in quanto è neutro e richiama la luce) di una misura di circa 50 x 70 cm o maggiore;
- colla e forbici;
- penna e matite colorate;
- riviste (almeno due o tre di tipologia diversa con prevalenza di fotografie)
- candela bianca e accendino (per creare uno spazio sacro)
Per chi ha partecipato all'incontro del 20 gennaio terrà a portata di mano i lavori che ha creato; per gli altri partecipanti sarebbe preferibile ma non è obbligatorio vedere la registrazione e cercare di prepararli prima del nuovo incontro.

Meditazione a ritroso sull'anno precedente. Comprendere per disinnescare

139795130_3668471723220124_2651041537313180013_o.jpg


Mercoledì prossimo 20 gennaio 2021 ore 19.00, appuntamento on-line di meditazione a ritroso e riprogrammazione, la dott.ssa Rosalia Stellacci e l'arteterapeuta Carla Cantore attraverso la meditazione e il mediatore artistico, in particolare utilizzando il metodo di orientamento dinamico elaborato dalla Naumburg per svelare significati inconsci e così renderli più comprensibili, lavoreranno in maniera materica sull'inconscio, per un miglioramento della vostra vita presente e futura.

OFFERTA LIBERA

I materiali da preparare sono pochi e di facile recupero:
- Un proprio ritratto o autoritratto del 2020 stampato su carta A4 (bianco e nero o colori come si preferisce) (se si ha problemi a stamparlo l’importante è che questo ritratto sia scelto e memorizzato sul cellulare)
- 7 fogli bianchi (bianchi da entrambi i lati – no fogli da riciclare )
- una penna
- un cartoncino bianco misura A4 (assolutamente bianco se non è possibile recuperarlo allora va bene un foglio di carta A4 bianco)
- un righello
- una matita
- dei colori a matita
- una candela bianca
- un accendino

Per info e prenotazioni centro di Meditazione e Yoga
AL JALIL YOGA - Matera
Segreteria 389 1986778
Carla Cantore 348 2774207

www.aljalilyoga.com
www.carlacantore.com

Biglietti di Auguri e di buon auspicio

date » 14-12-2020 10:30

permalink » url

tags » benessere, natale, creatività, auguri, buon auspicio, amore, biglietti,

🎄Martedì 15 Dicembre ore 19.00 laboratorio autoproduzione regali di natale 🎁, Bioenergetici ed economici.
Martedì condurrò un laboratorio in cui vi mostrerò come realizzare biglietti di auguri 💌e di buon auspicio 📤📮

“L'arte spazza la nostra anima dalla polvere della quotidianità.” Pablo PICASSO

🎄 🤩 Avremo bisogno di pochissimi materiali, potrete utilizzare anche ciò che avete in casa e così aiutare a riciclare e a dare nuova vita a ciò che non utilizzate:
cartoncino bianco semplice oppure da acquerello, le dimensioni dovranno essere superiori a 11 x 15 cm o a 10 x 21 centimetri, possiamo anche recuperare i cartoni che contengono le merendine oppure altri cartoncini che avete in casa;
colla e forbici;
un foglio bianco o a righi larghi;
una penna nera e una matita;
colori a vostra scelta a matita o a spirito;
stampe di silhoutte le potete trovare tranquillamente inserendo questo link su google https://www.google.com/search?q=silhouette&rlz=1C5CHFA_enIT842IT842&sxsrf=ALeKk024DjWv61p1yfrKGCFU05Cb13sHNw:1607777486082&source=lnms&tbm=isch&sa=X&ved=2ahUKEwir5b3vvcjtAhUO_aQKHWbcDzwQ_AUoAXoECBYQAw&biw=1288&bih=264, una

una candela preferibilmente bianca e un accendino

🎄Per link zoom e prenotazioni presso associazione Al Jalil Yoga 389 19 86 778

naturale e consapevole 🌱pinaturale e consapevole 🌱 Mostra meno

500bbd96_3b5b_4e13_a6e0_9277548dffe3.JPG

Noi siamo ciò che riflettiamo. Lo specchio dall'arte all'arteterapia.

Locandina_25_gennaio_20.jpg

AL JALIL YOGA
in collaborazione con il
MATERA INTERNATIONAL PHOTOGRAPHY
propone a Matera l'incontro teorico pratico
25 gennaio 2020
dalle ore 10,30 alle 13,30

"NOI SIAMO CIO' CHE RIFLETTIAMO
LO SPECCHIO DALL'ARTE ALL' ARTETERAPIA
"
condotto da:
Manuela Venier | Arteterapeuta - Dottore in Arte e Archeologia
Carla Cantore | Arteterapeuta - Fotografa

Lo specchio nell’Arte è un argomento che già conosco grazie ai miei studi universitari e professionali, argomento che ha bisogno di essere espresso e raccontato, perché moltissimi sono gli artisti che hanno fatto e fanno uso degli specchi per realizzare le loro opere.

L’Arte è espressione di esperienze di vita, l’artista attraverso l’arte grida al mondo il proprio disagio.

E’ per questa ragione che mi sono avvicinata con i miei specchi allo studio dell’Arte Terapia attraverso il video e la fotografia, per dare un’altra chiave di lettura all’Arte passata e presente, diventando così intermediaria dei riflessi, riaccendendo la connessione tra sguardo, mente e visione.

Lo specchio ci permette di guardarci e scoprire quella parte di noi che altrimenti non potrebbe essere vista, il ‘viso’. Il nostro volto lo possiamo percepire attraverso i muscoli che mettiamo in azione per attivare le espressioni e rivelare le emozioni.

Lo sguardo non può tradire, ma noi non vediamo direttamente il nostro volto se non riflesso nell’altro o riflesso in uno specchio che ci rimanda la nostra espressione.

Fotografare attraverso lo specchio non è guardarsi, ma vedersi e ri-conoscersi senza timore, con tutti i nostri difetti, imprecisioni grandi e piccole.

Lo specchio deforma, allarga, approfondisce il mondo intorno a noi. Ciò che è dietro lo possiamo portare in avanti e viceversa.

Lo specchio da’ infinite possibilità di proporre spazi nuovi, giochi di luce e trasparenze, illusioni reali e irreali, tutte cose che hanno affascinato pittori e non solo, anche scienziati, filosofi, teologi, psicanalisti, interesse che si è evoluto nei secoli.

Lo specchio riflette e ci fa riflettere.

Avvicinarsi allo specchio attraverso la conoscenza del se riflesso.

Il ritratto nel laboratorio di Arte Terapia è stimolo per ritrovare un colloquio diretto/introverso/estroverso con noi stessi e con il mondo che ci circonda.
Il ri-tratto come colloquio silenzioso del noi essere.

Il laboratorio ha lo scopo di attivare ed arricchire la percezione della propria personalità, identità, individualità passando dal tatto al ri-conoscimento al ri-tratto.

L’obiettivo dell’arte terapeuta è quello di guidare i partecipanti a riconoscere la loro immagine nel riflesso, scoprire la loro natura intima, portarli alla lettura attraverso domande semplici e costrittive.

Non si tratta qui di bello o brutto, il non giudizio è alla base dei laboratori di arte terapia, i partecipanti sono liberi di interpretarsi e soprattutto di leggersi e ri-conoscersi, di condividere con gli altri le proprie emozioni, sempre in piena libertà.
Manuela Venier | Arteterapeuta

"Lo specchio, attraverso il riflesso che costituisce il nostro primo ‘doppio’, se non ci garantisce, quanto meno ci mostra la nostra materiale esistenza al mondo (…). Lo specchio, è ciò che consente la costruzione del nostro Io; inoltre esso ci rassicura sulla stabilità e la costanza della nostra immagine."
Lo specchio dell’Io. Autoritratto e psicologia | Prof. Stefano Ferrari

Per info e prenotazioni:
Segreteria: +39 3891986778 (lasciare un messaggio)
Carla Cantore: +39 3482774207

Prenotazione obbligatoria.
Evento ad offerta libera e consapevole.

CONTRO VENTO

locandina_trevisan_2.0.jpg

La fotografia al servizio del sociale

Dal 2 al 10 dicembre 2019 presso la Galleria “Arti Visive”, in Via Beccherie a Matera, si terrà la mostra fotografica “CONTRO VENTO”: il Matera International Photography continua a concretizzare la filosofia della Fotografia Utile in un nuovo progetto nell’ambito della fotografia sociale.

Un reportage realizzato dai fotografi Antonello Di Gennaro e Carla Cantore che racconta uno spaccato di vita sportiva (competizioni ed allenamenti) di un’atleta paralimpico materano di livello Internazionale: Antonio Trevisani. Un uomo che ha realizzato il suo sogno di far parte della Nazionale pralimpica per indossare la maglia azzurra e rappresentare così un modello per la sua città Matera nel panorama mondiale.

La mostra nata dalla collaborazione del Matera International Photography, Centro benessere Light attento da sempre alle problematiche sociali, e alla Galleria Arti Visive sarà inaugurata lunedì 2 dicembre, alle ore 19,00 alla presenza del Sindaco di Matera Avv. Raffaello De Ruggeri, dell’Assessore alle Infrastrutture dott. Nicola Trombetta, del Presidente del Comitato Italiano Paralimpico dott. Saracino, del Presidente Regionale del Coni dott. Desiderio, Personal Trainer Angelo Manicone e del Centro benessere Light Luciano Nicoletti amministratore e Maria Merlino direttore.

Cantore e Di Gennaro attraverso le loro opere non vogliono evidenziare alcuna disabilità ma focalizzare l’attenzione sulla “volontarietà” su ciò che si può fare grazie alla determinazione, alla volontà, alla voglia di fare ed alla passione. Antonio Trevisani ci riesce, da oltre 10 anni da quell’incidente in moto che lo ha portato per 10 mesi in coma, all’estrema unzione e alla rinascita, ad essere un campione.

L’atleta, già affermatosi in discipline quali il Kajak, l’handbyke ed il seetting, dopo inizi da dilettante, ha raggiunto traguardi professionistici inimmaginabili.
Nel luglio 2018 si è laureato vice campione internazionale nell’arrampicata sportiva, in Austria. Ora si dedica all’arrampicata, a tempo pieno, affinando una tecnica non comune a tutti grazie all’esperienza acquisita con la pratica delle precedenti specialità.
Una arrampicata sportiva, con le sole braccia perché, per lui, quando si arrampica nessun obiettivo è irrealizzabile.

La mostra, ingresso gratuito, resterà aperta tutti i giorni dalle ore 10,30 alle 12,30 e dalle 17,00 alle 20,00.

Rifioriamo_Il gioco dei sentimenti

locandina_rifioriamo.jpg

La natura è per l'uomo fonte di grandi emozioni e sentimenti...scopriamoli insieme il
30 marzo 2019 dalle ore 17,30 alle 19,30
presso la sede dell'Arcolaio - Matera Via Don Minzoni 26.

Il laboratorio verrà condotto da Paola Di Lena Educatrice e Carla Cantore mediatrice artistica.

Rivolto a bambini dai 6 ai 10 anni.

Il costo è di 10 euro e prevede la merenda.

Per info e prenotazioni:
Paola Di Lena (Educatrice) +39 3895325300 - paoladilena@virigilio.it

Carla Cantore (mediatrice artistica) +39 3482774207 - carlacantore4@gmail.com
search
pages
ITA - Informativa sui cookies • Questo sito internet utilizza la tecnologia dei cookies. Cliccando su 'Personalizza/Customize' accedi alla personalizzazione e alla informativa completa sul nostro utilizzo dei cookies. Cliccando su 'Rifiuta/Reject' acconsenti al solo utilizzo dei cookies tecnici. Cliccando su 'Accetta/Accept' acconsenti all'utilizzo dei cookies sia tecnici che di profilazione (se presenti).

ENG - Cookies policy • This website uses cookies technology. By clicking on 'Personalizza/Customize' you access the personalization and complete information on our use of cookies. By clicking on 'Rifiuta/Reject' you only consent to the use of technical cookies. By clicking on 'Accetta/Accept' you consent to the use of both technical cookies and profiling (if any).

Personalizza / Customize Rifiuta / Reject Accetta / Accept
Link
https://www.carlacantore.com/news-d

Share link on
Chiudi / Close
loading